Sale riunioni: nuovi design per gli ambienti comuni

Sarà capitato a tanti di trovarsi a partecipare ad una riunione e, per qualche strano e inconfessabile motivo, sentirsi a proprio agio. In passato il solo pensare di arrivare al cospetto del "capo", di dover presenziare alla riunione del venerdi, o al briefing sugli argomenti più disparati, creava una certa tensione emotiva.

Il perchè di questa nuova sensazione di benessere è presto spiegato: si tratta di un nuovo approccio architettonico all'idea di ufficio. Le ultime tendenze in ambito di design offrono oggi una vastissima scelta sia dal punto di vista strutturale, sia per quanto riguarda l'arredamento.

Per venire incontro alle esigenze di maggior dinamicità degli spazi, rispettando comunque e sempre la prossemica tra i partecipanti di una riunione, la scelta di oggi ricade sicuramente sulla divisione degli ambienti.

Al bando dunque le vecchie tavolate da 40 posti, tonde o rettangolari, di fantozziana memoria.
Via gli ingombranti neon dal rumore zanzaresco di sottofondo. Dimentichiamo la mega poltrona in pelle che faceva solo sudare. Insomma, abbandonato il passato che promuoveva l'opulenza, diciamolo, a volte anche scomoda, oggi si dà spazio al comfort, strizzando l'occhio alla dinamicità e al minimalismo.

La sostanziale rivoluzione, come detto, sta nella gestione degli spazi, che finalmente si possono ridurre o ampliare a seconda delle esigenze, semplicemente dando vita ad un muro che non c'era.

Se l'azienda ospita numerosi clienti dall'estero, sarà certamente utile fornire uno spazio adeguato per poter ospitare più persone ma, nello stesso tempo, per definire ad esempio la stipula di un importante contratto, serviranno ambienti più..intimi.

Se si organizza un briefing e sono necessarie attrezzature particolari, ecco che si potrà creare ad hoc una stanza che permetta il buio, onde assicurare ai presenti la massima concentrazione su un unico focus.
Ma...com'è possibile tutto questo, ci si chiederà.

Stile e divisione degli ambienti

Il mistero è presto svelato. Uno spazio ampio si può parcellizzare inserendo nel suo perimetro pareti mobili. Queste ultime garantiscono, grazie alle loro specifiche caratteristiche, soluzioni in movimento che, con un minimo ingombro, vanno a creare pareti quando e dove necessario.
Esistono varie soluzioni per personalizzare gli spazi secondo necessità.

Si parla di pareti divisorie operative nei casi in cui i moduli permettano di organizzare più stanze da un unico spazio; i pannelli sono leggeri e il materiale può assecondare il passaggio della luce.

Le pareti direzionali sono le pù eleganti e offrono ampia scelta per design moderni e minimal.
Si opterà per pareti attrezzate nel momento in cui si voglia unire eleganza e funzionalità: all'interno di una parete attrezzata, come ben predice il nome, si possono inserire armadi, mobili, cassetti contenitore, ottimizzando al massimo gli spazi.

Il top dell'eleganza però è rappresentato dalle pareti mobili a vetrate che, oltre a fornire una divisione silenziosa- se io mi trovo dentro, da fuori mi si può vedere ma non sentire e viceversa- regalano spazio allo spazio, come in uno splendido gioco di specchi.
Sono inoltre particolarmente adatti per zone che richiedono luce.

Le pareti manovrabili rappresentano la soluzione più interessante, in quanto forniscono pannelli che si possono completamente nascondere una volta aperti, mentre da chiusi dividono perfettamente un ambiente grande in più spazi, creando un sottile muro.

Per finire, ultime ma non ultime, troviamo le clean room, divisioni in spazi che devono essere a tenuta, come gli ambienti adibiti a laboratori chimico/ farmaceutici, o come le classiche finestre dalle quali i parenti si accodano numerosi per vedere il neonato nelle cliniche ospedaliere.

Se poi ad un ambiente di questo tipo si associa il giusto arredamento, scartando il vecchio standard per dare un'aria nuova, più moderna e di stile, anche con un tocco personalizzato, l'antica, triste e un pò austera sala riunioni verrà facilmente dimenticata.

Per avere un'idea sulle varie tipologie di divisori, al sito www.paretimobilicantu.it si possono trovare le più innovative soluzioni per le pareti mobili dei vostri uffici.


Eremo